logo music art review da ascoltare 300pix
/ Blog / Multicanale – Come ascoltare al meglio la nostra “amata Musica”

Multicanale – Come ascoltare al meglio la nostra “amata Musica”

Massimo Piantini on 5 settembre 2018 - 19:25 in Blog

 

 

Multicanale

Come ascoltare al meglio la nostra amata Musica

Di Bruno Fazzini

 

Introduzione

Il mondo degli appassionati audio, almeno di quelli più lungimiranti, sta cercando, da anni, di trovare un modo per ascoltare la Musica che non sia incompleto come quello offerto dallo Stereo.

Il mercato offre diverse tecnologie  che dovrebbero, sulla carta, raggiungere questo obiettivo. Tra questi i principali sono DSD, Blu Ray, Multicanale tradizionale, sistemi 5.1 e 7.1 o superiori, amplificatori a più canali per pilotare più casse acustiche in ambiente, ecc..

 

 

 

Cosa manca ad un ascolto completo e coinvolgente che lo Stereo non riesce a fornire?

Sostanzialmente manca una cosa semplice ma essenziale: l’insieme delle informazioni ambienza contenute in una registrazione.

Mancano tutte quelle informazioni che ci fanno capire le dimensioni della sala, la sua struttura, il suo suono intrinseco ecc.

In parole semplici manca l’emozione dell’evento live

Nell’incisione queste informazioni ci sono, ma lo Stereo non è in grado di riprodurle.

Allora, come attrezzarci?

 

 

Lo stereo e oltre

Lo stereo tradizionale si basa sull’assunto che il segnale ripreso dai microfoni durante un evento musicale, sia poi riprodotto in ambiente domestico tramite 2 diffusori. Prevede anche che questi ricostruiscano in toto l’evento sonoro registrato. In questa ricostruzione deve essere compresa la dimensione ambientale e spaziale (esecutore solista, gruppo strumentale, orchestra ecc).

Le casse acustiche di un sistema stereo medio emettono in ambiente, soprattutto anteriormente, un segnale che come intensità e dimensione è solo una parte di quello dell’evento reale. Questi stessi diffusori, inoltre, dovrebbero eccitare le pareti della stanza di ascolto, riproducendo le riflessioni della sala da concerto. 

 

 

 

Ciò dovrebbe avvenire con la stessa intensità e grandezza di quelle dell’evento sonoro registrato.

Ma questo non è possibile,

semplicemente perché le casse acustiche, per le dimensioni e per la potenza con cui mediamente sono pilotate, emetteranno un segnale audio molto più limitato rispetto a ciò che una formazione di strumenti produce in un evento reale.

Negli anni sessanta e successivi, quando lo stereo è nato e si è sviluppato, i mezzi tecnici non permettevano di fare altro che il 2 canali come lo conosciamo.

Oggi, con l’avvento del digitale, che è stato portato a livelli di qualità elevatissimi, queste limitazioni sono state superate ed è possibile avvicinarsi all’evento reale.

 

 

Per superare lo stereo tradizionale è necessario inserire in ambiente altri diffusori (da 3 a 5) oltre i 2 frontali già presenti, che riproducano le informazioni di ambienza presenti nella sala di un concerto.

Questo è quello che fa il Multicanale, che già esiste e che alcuni appassionati già impiegato, ma con poca soddisfazione. Perché?

Perché il  Multicanale tradizionale, spesso produce una ricostruzione artificiosa dell’evento sonoro (vedi concerto).  Rende, inoltre, quasi impossibile una variazione strutturale, perché i contenuti dei singoli canali sono stati stabiliti a priori.

Il grande merito del Multicanale tradizionale è stato quello di aver finalmente proposto un modo per superare i limiti dello stereo tradizionale, ma le lacune fisiologiche non determinano la completa soddisfazione da parte dell’utilizzatore.

 

 

Allora cosa fare?

L’evento che vi voglio segnalare, nasce per fare il punto proprio su questa ricerca e dare indicazioni precise. Vuole, cioè, comunicare al pubblico come sia possibile, oggi, ascoltare la nostra amata Musica (compresi i concerti audio-video), nel modo migliore, avvicinandoci il più possibile alla riproduzione dell’evento reale.

I più autorevoli esperti di questo settore, metteranno a fuoco la situazione attuale e proporranno metodiche per l’ascolto della Musica e dei Video che finalmente superino, con rigorosa correttezza, i limiti del sistema Stereo due canali.

Faranno parte dell’evento, Marco Cicogna di Audio Review, Emidio Frattaroli di AV Magazine, Carlo Capitta e Massimo Garofalo di Quotidiano Audio, alcuni Direttori di riviste di settore, i responsabili della ditta Blue Moon Audio T. che fornirà il sistema audio.

Questo sarà il tema dell’evento su: Multicanale, limiti e applicazioni innovative che si terrà a Roma il pomeriggio del 13 Ottobre 2018, al Mercure Hotels-EUR Roma West, Via Eroi di cefalonia, 301.

Poiché ci saranno i più autorevoli esperti del settore audio e video, e i posti a sedere disponibili sono limitati, consiglio a chi fosse interessato di prenotare al seguente indirizzo email:

sophoshiend@gmail.com

lasciando il proprio nome, cognome, indirizzo, luogo di provenienza e impianto di riproduzione posseduto.

 

 

 

 

 

0 POST COMMENT

Send Us A Message Here

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *